risotto giallo con ossobuco

Sul piatto in questione si esprimono praticamente tutti i cuochi lombardi, dai professionisti di grido ai dilettanti a casa propria loro malgrado. Peggio ancora, ognuno di noi reca con se ricordi ancestrali di come li cucinava la nonna, la zia, la mamma, persino la suocera godrebbe di sospensione di giudizio nel caso: più che un piatto della tradizione una vera e propria sturm und drang di complessi tardo-freudiani. Si vede che alla Geretta amano mettersi in gioco.

Ad ogni modo è una trappola per ghiottoni, per il Ciacco che alberga, e serenamente, nel brianzolo contemporaneo: e pare tuttora attuale la descrizione che ne diede ai tempi il Boccaccio: “…per altro assai costumato e tutto pieno di belli e piacevoli motti”.

Nella fattispecie, lo zafferano è coltivato – sorpresa – nelle vicinanze dell’agriturismo stesso. Aromatico, conferisce al riso un giallo sommesso, non acceso, sobrio come richiede il genius loci.

2017-11-05 07.22.35 1641171879418886727_5045726495
risotto giallo con ossobuco

Il risultato è più che degno di lode, fossi stato meno costipato avrei potuto meglio apprezzarne le fragranze, peccato.

Nel format piatto unico più dolce della serata, non dobbiamo dimenticare lo strudel.

2017-11-05 07.23.27 1641172317832515196_5045726495.jpg
strudel di mele preparato dalla cuoca

L’ormai consueto calice di vino rosso premium, l’acqua frizzante, il sempre impeccabile caffè per Euro 20 sotto scontrino fiscale. Viste le penose condizioni, la tosse infinita, del vostro gozzaniano indagatore dell’io mangio, la padrona si è infine sentita di offrirmi, a lenire la mia sofferenza, un cucchiaio di miele e propoli. Cortesia per la quale la ringrazio ulteriormente.

Perfetto.

p.s.: due parole, anzi un’immagine, sull’abbigliaggio del posto tavola. Intestare il tavolo al Borbottoni è sintesi accurata di stati fisici e di inclinazioni psicologiche.

2017-11-05 07.27.23 1641174293249133569_326923291

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...